Occhiobello: iniziano i monitoraggi nelle aree private per contrastare le zanzare
(Shutterstock.com)

Il Comune, ogni anno, provvede a intervenire periodicamente con larvicidi su fossati e caditoie pubbliche

Controlli mirati per verificare la presenza di focolai e bonificare condizioni che favoriscano lo sviluppo larvale. Mercoledì 10 luglio, Davide Di Domenico, entomologo incaricato dal Comune, effettuerà controlli a campione sul territorio per rintracciare eventuali siti, anche in aree private, in cui si siano creati focolai responsabili della presenza di zanzare.

Il Comune, ogni anno, provvede a intervenire periodicamente con larvicidi su fossati e caditoie pubbliche (6 interventi su 4800 caditoie e 8 interventi ai fossati per un costo di 19.158,88 euro), tuttavia l’azione virtuosa del cittadino nelle proprie zone di competenza rimane fondamentale per evitare lo sviluppo dell’insetto.

Per questo motivo, da maggio a ottobre vengono effettuati monitoraggi tramite 21 ovitrappole dislocate in aree verdi comunali e presso alcuni privati, per rilevare la presenza della zanzara tigre.

“Sul territorio, per le sue caratteristiche ambientali – spiega Di Domenico –, sono presenti zanzare quali Culex pipiensAedes vexans, che, in questo periodo, si sviluppano nelle aree allagate delle golene in seguito alle piogge copiose che ci sono state e dalle golene si spostano nelle ore serali verso la città”.

“Inoltre – prosegue Di Domenico – con lo stabilizzarsi della stagione, aumenta anche la zanzare tigre che finora si è mantenuta sotto le medie stagionali, come rilevato dalle ovitrappole. A proposito della tigre, nei giardini e nelle aree private è necessario adottare comportamenti corretti affinché l’insetto non depositi le uova e quindi prolifichi. Tutto ciò che crea un ristagno d’acqua è potenzialmente luogo ideale per la deposizione delle uova”.

Davide Di Domenico, quindi, effettuerà controlli a campione e, in caso di positività, dovranno essere rimossi i ristagni e dovrà essere utilizzato il prodotto larvicida in distribuzione gratuita all’Urp e nella sede della Proloco (aperta il mercoledì e il venerdì dalle 9 alle 12, sotto i portici in piazza Maggiore 1).

L’obbligatorietà di azioni che prevengano la proliferazione di zanzare (evitare raccolta d’acqua stagnante anche temporanea, trattare l’acqua presente in tombini, griglie di scarico, pozzetti di raccolta delle acque meteoriche, e qualunque altro contenitore non eliminabile, comprese fontane e piscine non in uso, ricorrendo a prodotti autorizzati di sicura efficacia larvicida), è prevista dall’ordinanza 75/2024.