(Shutterstock.com)

Fra le varie attività che si intendono promuovere, un centro antiviolenza e una casa di accoglienza per donne maltrattate

Il consiglio comunale di Occhiobello ha approvato lo schema di protocollo che intende promuovere, tra le varie attività, programmi di informazione e sensibilizzazione nelle scuole sui temi della violenza contro le donne e l’inserimento nei piani sociali di zona di un centro antiviolenza e di una casa di accoglienza per donne maltrattate in ogni ambito territoriale in funzione degli abitanti.

A tal proposito l’assessore alle Politiche sociali Lorenza Alberghini afferma: “Il protocollo è stato presentato per evidenziare come la crisi, ancora una volta, abbia colpito in modo particolare le donne e le fasce più deboli della popolazione. Questo strumento servirà per dare forza ai progetti che la commissione Pari Opportunità della Provincia vuole presentare, in Regione e a livello nazionale, per ottenere fondi per aprire sportelli con persone esperte. Si mira, così, ad un nuovo paradigma economico con un nuovo progetto di società. E’ un progetto che si deve costruire assieme, con chi occupa posti di responsabilità istituzionale, con le donne, ma anche con gli uomini”.

Il protocollo, inoltre, punta a sviluppare procedure in rete tra servizi sociali, sanitari, forze dell’ordine che diano risposte efficaci nella protezione delle donne, nella lotta alla violenza maschile e nella messa in atto di progetti di sostegno psicologico, socioeconomico e affettivo-sentimentale per gli uomini violenti.

Lo schema di protocollo di intesa, che ha avuto l’ok in consiglio comunale, segue l’approvazione, a dicembre 2020, della Carta delle pari opportunità contro tutte le forme di discriminazione e la realizzazione dello Safe space all’interno della caserma dei carabinieri di Santa Maria Maddalena.