Tante le chiamate di aiuto ai Carabinieri durante il nubifragio di ieri
Nella foto un momento degli interventi dei Carabinieri nella giornata di ieri

Sono state oltre 220 le richieste di soccorso arrivate al 112

In relazione agli eventi atmosferici di ieri, che hanno più intensamente interessato le aree a nord della provincia di Rovigo, nel medio e alto polesine, numerose sono state le chiamate pervenute al numero di emergenza 112 e gestite dalla centrale operativa del comando Provinciale Carabinieri di Rovigo che ha ricevuto, fino al primo pomeriggio, oltre 220 richieste di soccorso.

Decine sono stati gli interventi operati dalle numerose pattuglie messe in campo dal Nucleo Radiomobile di Rovigo e dalle Stazioni Carabinieri del territorio. Tra gli altri si segnala il soccorso ad una donna intrappolata nella sua autovettura bloccata nel sottopasso di Rovigo via Fermi, con oltre un metro d’acqua; il soccorso ad un’automobilista vittima di un sinistro causato dal fenomeno di aquaplaning in traspolesana; la messa in sicurezza di strade con pericolosi cedimenti dell’asfalto, ovvero con veicoli pericolosamente bloccati; supporto a personale dei vigili del fuoco e della protezione civile impegnato in attività di svuotamento aree, tra le quali il seminterrato dell’archivio di stato ed il deposito autobus di fronte la stazione FFSS. L’attività prosegue.

Anche la Compagnia Carabinieri di Adria ha gestito decine di chiamate con quattro interventi unitamente alla protezione civile per accesso, verifica e messa in sicurezza in tre case (due in località Cirese) ed una farmacia allagate nonché un intervento per autovettura fuoriuscita dalla sede stradale sulla SS443 svincolo Ca’ Emo Cicese, nessun ferito ed auto recuperata.