I Carabinieri di Adria incontrano gli anziani per prevenire le truffe
Una foto dell'incontro con i Carabinieri per prevenire le truffe agli anziani

Gli incontri proseguiranno, per il mese di maggio, in diversi comuni del territorio della Compagnia Carabinieri di Adria

Nell’ambito della campagna di sensibilizzazione contro le truffe agli anziani, promossa dal Comando Generale dell’Arma dei Carabinieri e pianificata dal Comando Provinciale di Rovigo, i militari della Compagnia di Adria hanno avviato una serie di incontri da realizzarsi in diversi comuni del territorio di competenza (corrispondente al basso polesine).

Nel corso del primo incontro, avvenuto domenica 28 aprile 2024 presso il Centro civico di Pettorazza Grimani, con la partecipazione del comandante della locale Stazione Luogotenente Marco GIBIN, i Carabinieri hanno spiegato le modalità di inganno più frequentemente realizzate con esempi concreti, fornendo al contempo raccomandazioni su come difendersi e suggerimenti su cosa fare nell’immediatezza. Tutti i presenti, che hanno mostrato molto interesse sugli argomenti, sono stati sensibilizzati a chiamare sempre il 112, per segnalare tentativi di truffe o semplicemente per chiedere informazioni, anche quando non si è direttamente convolti ma si percepisce una situazione di potenziale pericolo per vicini o conoscenti.

Gli incontri proseguiranno, per il mese di maggio, in diversi comuni del territorio della Compagnia Carabinieri di Adria, con la collaborazione delle amministrazioni e associazioni locali, a testimonianza dell’attenzione molto alta verso tale fenomeno che vede – quali prioritarie vittime – gli anziani, spesso residenti in aree rurali o comunque isolate:
08 maggio 2024 – nel comune di Corbola
13 maggio 2024– nel comune di Papozze
16 maggio 2024 – nel comune di Ariano nel Polesine
18 maggio 2024 – nel comune di Taglio di Po
24 maggio 2024 – nel comune di Porto Viro
31 maggio 2024 – nel comune di Rosolina

AIUTATECI AD AIUTARVI
In parrocchia e nei centri anziani, attraverso le radio e persino a teatro: sono innumerevoli le iniziative di sensibilizzazione attuate per informare e mettere sull’avviso i cittadini appartenenti alla Terza Età. Da nord a sud: in ogni città, paese, frazione del territorio nazionale si moltiplicano le opere di sensibilizzazione dell’Arma finalizzate alla prevenzione e al contrasto dell’esecrabile fenomeno delle truffe perpetrate ai danni degli anziani. Si tratta di iniziative di rassicurazione sociale, che tendono a consolidare il tradizionale rapporto di vicinanza dell’Arma ai cittadini, con particolare riguardo nei confronti di quanti si trovano all’interno delle fasce più deboli e indifese della popolazione.

La nostra speranza è che al termine di questi incontri, i partecipanti acquisiscono sempre più la consapevolezza di un concetto importante: quello della “sicurezza partecipata”, utile al fine di prevenire i reati e a promuovere in modo sempre più proficuo l’indispensabile collaborazione con chi è impegnato a contrastarli. Sentirsi protetti e vivere in un ambiente sicuro è infatti una condizione fondamentale, che contribuisce a innalzare la qualità della vita e il livello di benessere. La fiducia nell’operato delle Forze dell’Ordine e la collaborazione che i cittadini danno loro diventano presupposti fondamentali alla costruzione di un’efficiente rete di comunicazione che permette di prevenire e arginare quelle che sono le più frequenti situazioni di pericolo.