Furto in un asilo a Villanova del Ghebbo
Nella foto una pattuglia dei Carabinieri durante un sopralluogo

Si tratta di un 27enne polesano

Nella scorsa notte, i Carabinieri della Sezione Radiomobile di Rovigo e della Stazione di Rovigo – nell’ambito di specifici servizi finalizzati alla prevenzione e alla repressione dei reati contro il patrimonio, predisposti dalla locale Compagnia per aumentare l’attività di contrasto ai reati predatori – hanno tratto in arresto, in flagranza di reato, un 27enne, polesano, ritenuto responsabile, in ipotesi accusatoria, di furto in istituto scolastico di Villanova del Ghebbo.

L’attività trae origine dalla tempestiva e puntuale segnalazione al 112 fatta da un vicino, accortosi e insospettitosi del fatto che notava un individuo vestito di scuro all’interno del giardino dell’asilo comunale, per tale motivo provvedeva subito a contattare la Centrale Operativa dei Carabinieri.
Ricevuta la telefonata, l’operatore della C.O. di Rovigo ha compreso che i sospetti del segnalante non erano infondati e lo ha trattenuto al telefono e, mentre inviava sul posto la pattuglia della Sezione Radiomobile e della Stazione, si faceva descrivere, attimo per attimo, i movimenti dell’uomo nel frattempo provvedeva a fornire le informazioni agli equipaggi che stavano intervenendo sul posto per riuscire a bloccarne l’eventuale fuga.

L’individuo, consumato il furto, mentre si portava presso la sua autovettura lasciata parcheggiata poco distante veniva individuato e bloccato dai Carabinieri.
Nel corso della perquisizione, i Militari rinvenivano addosso all’uomo un cacciavite di considerevoli dimensioni ed una pinza, con cui aveva tagliato la recinzione e forzato la porta d’ingresso, inoltre lo stesso aveva con sé oggetti rubati poco prima all’interno dell’asilo nido. Gli attrezzi da scasso sono stati sottoposti a sequestro, convalidato con provvedimento della Procura della Repubblica di Rovigo, mentre il materiale rinvenuto risultato rubato poco prima veniva restituito al Sindaco di Villanova del Ghebbo.
La perquisizione veniva estesa anche all’abitazione del fermato, rinvenendo vario materiale in parte già individuato quale provento di altri analoghi furti ed altro al vaglio dei militari.

Al termine delle attività, il giovane arrestato è stato rinchiuso nelle camere di sicurezza del Comando Carabinieri di Rovigo, a disposizione della Procura della Repubblica di Rovigo, che ha richiesto con rito direttissimo la convalida dell’arresto e la misura cautelare dell’obbligo di dimora con prescrizioni e divieti; il giudizio direttissimo è fissato per le ore 14:00 odierne.