I Carabinieri di Fiesso Umbertino

I militari hanno recuperato parte della refurtiva

A seguito di alcuni reati contro il patrimonio avvenuti tra i comuni di Fiesso Umbertiano e di Pincara, fatti che avevano destato una certa preoccupazione in quei piccoli centri dell’alto polesine, i Carabinieri di Fiesso Umbertiano, coordinati dai colleghi di Castelmassa, hanno eseguito accertamenti, anche con mirati servizi di vigilanza e controllo, al fine di individuare i presunti responsabili di questi crimini.

Si è, dunque, avviata una serrata attività info-investigativa durante la quale i Carabinieri hanno rivolto l’attenzione nei confronti di un 31enne italiano e di una 23enne albanese, domiciliati in provincia di Rovigo, i quali erano deferiti per il reato, in ipotesi accusatoria, di concorso in ricettazione alla Procura della Repubblica di Rovigo, che disponeva la perquisizione locale e personale delegando i Carabinieri di Fiesso Umbertiano che la eseguivano nei giorni scorsi nel domicilio e nelle pertinenze abitative della coppia.

La perquisizione consentiva di rinvenire tre smerigliatrici e un’aspirapolvere industriali, ritenute in ipotesi accusatoria provento di furto con scasso consumato in un’abitazione, con annessa officina meccanica, di Fiesso Umbertiano.
Gli oggetti rinvenuti sono stati sequestrati e messi a disposizione della Procura della Repubblica di Rovigo per la successiva restituzione ai legittimi proprietari.
Il procedimento è nella fase delle indagini preliminari.