20 marzo 2020 - Rovigo, Sanità

Ricetta medica inviata via e-mail o telefono: l'ordinanza della Protezione Civile

Non sarà più necessario recarsi fisicamente negli ambulatori

La ricetta medica diventa digitale. Fra le misure prese per la gestione dell'emergenza Coronavirus, l'ultima ordinanza firmata dalla Protezione Civile consente ai medici di inviare le ricette mediche via e-mail o anche via whatsapp. I cittadini non dovranno quindi più recarsi negli ambulatori medici per ritirare fisicamente la ricetta.

L'ordinanza costituisce anche un passo avanti verso il digitale dell'intero Sistema sanitario nazionale, ma prima di tutto è un ulteriore modo per limitare gli spostamenti dei cittadini e frenare l'avanzata in Italia della diffusione di Covid-19.

Chiunque necessiti di farmaci che richiedono la ricetta, può rivolgersi al proprio medico per l'acquisizione del Numero di Ricetta Elettronica, che gli potrà essere trasmesso:

  • in allegato ad un messaggio di posta elettronica (sia su posta certificata che ordinaria);
  • con un messaggio SMS o tramite applicazioni per smartphone, come ad esempio whatsapp;
  • comunicazione telefonica dove il medico detta all'assistito il numero di ricetta elettronica da presentare in farmacia per il ritiro dei farmaci.

Nell'ordinanza firmata ieri, 19 marzo, dalla Protezione Civile vengono disciplinate anche tutte le modalità operative, per farmacie e Asl, per i farmaci distribuiti in modalità diverse dal regime convenzionale e per i medicinali che richiedono un controllo ricorrente dei pazienti.

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.