10 marzo 2020 - Rovigo, Sanità, Società

Decreto del Governo: in tutta Italia misure di prevenzione e contrasto della diffusione del Coronavirus

Il governo vara il decreto “Io resto a casa”

Da questa mattina l’intero Paese è posto in sicurezza per tentare di arginare il contagio da Coronavirus. Le nuove misure prevedono il divieto di spostamento, se non per “comprovati motivi di lavoro” oppure “gravi esigenze familiari o sanitarie”, l’obbligo per bar e ristoranti di chiudere alle 18 e quello per i centri commerciali di chiudere nel fine settimana.

Le misure per evitare il diffondersi del contagio in tutta la penisola saranno in vigore fino al 3 aprile 2020.

Il presidente del Consiglio Giuseppe Conte ha annunciato le nuove misure ieri sera in una conferenza stampa, a cui è seguita la firma del nuovo Dpcm (in allegato in fondo all'articolo). “Le nostre abitudini vanno cambiate ora: dobbiamo rinunciare tutti a qualcosa per il bene dell'Italia”, ha affermato il premier, aggiungendo che il provvedimento in vigore da domani può essere sintetizzato con l’espressione “io resto a casa”.

I nuovi provvedimenti

  • SPOSTAMENTI, LAVORO E NECESSITA'. Su tutto il territorio nazionale è possibile spostarsi solo per "comprovate esigenze lavorative o situazioni di necessità o spostamenti per motivi di salute". È consentito il rientro presso il proprio domicilio, abitazione o residenza. Non si ferma la circolazione delle merci né il trasporto pubblico. E' possibile andare a fare la spesa. Chi si sposta sul territorio può autocertificare le ragioni per cui lo fa ma per chi trasgredisce o dichiara il falso sono previste sanzioni che vanno fino all'arresto.
  • FEBBRE E QUARANTENA. Chi abbia sintomi da infezione respiratoria e febbre maggiore di 37,5 °C, è "fortemente raccomandato" di restare a casa, limitare al massimo i contatti sociali e contattare il proprio medico curante. Il divieto di muoversi è assoluto per chi sia stato messo in quarantena, ovvero risultati positivi al virus.
  • STOP ASSEMBRAMENTI. Sull’intero territorio nazionale è vietata ogni forma di assembramento di persone in luoghi pubblici o aperti al pubblico.
  • EVENTI E COMPETIZIONI SPORTIVE. Si fermano tutti gli sport, incluso il campionato di calcio. Gli impianti sportivi sono utilizzabili, a porte chiuse, soltanto per le sedute di allenamento degli atleti, professionisti e non professionisti, riconosciuti di interesse nazionale dal Coni e dalle rispettive federazioni, in vista della loro partecipazione ai giochi olimpici o a manifestazioni nazionali ed internazionali. Sport e attività motorie SVOLTI ALL'APERTO sono ammessi esclusivamente a condizione che sia possibile consentire il rispetto della distanza interpersonale di un metro. Chiuse piscine, centri benessere, centri termali, centri culturali e ricreativi.
  • MANIFESTAZIONI, EVENTI E INTRATTENIMENTI. Sospese tutte le manifestazioni e gli eventi: fermi i cinema, teatri, pub, scuole da ballo, sale giochi, sale scommesse e sale bingo, discoteche. Chiusi musei e siti archeologici. Sono sospese tutte le manifestazioni organizzate, nonché gli eventi in luogo pubblico o privato, anche se svolti in luoghi chiusi ma aperti al pubblico.
  • NIDI, SCUOLE E UNIVERSITÀ. Sono sospesi e servizi educativi per l'infanzia e le attività didattiche in presenza nelle scuole di ogni ordine e grado e nelle Università fino al 3 aprile 2020. Al fine di mantenere il distanziamento sociale, è da escludersi qualsiasi altra forma di aggregazione alternativa. Sono sospese le riunioni degli organi collegiali in presenza. Stop anche a tutti i concorsi, tranne quelli per titoli o per via telematica, si fermano anche gli esami per la patente. Unica eccezione i concorsi per i medici.
  • RISTORANTI, BAR E NEGOZI - Bar e ristoranti possono aprire solo dalle 6 alle 18 con obbligo di garantire la distanza di almeno un metro, pena la sospensione dell'attività. La regola della distanza vale per tutti i negozi. A carico del gestore è predisporre le condizioni per garantire la possibilità del rispetto della distanza di sicurezza, con sanzione della sospensione dell'attività in caso di violazione. Nei locali commerciali che presentino di condizioni strutturali o organizzative che non consentano il rispetto della distanza di sicurezza interpersonale di un metro, le strutture dovranno essere chiuse. I centri commerciali, quindi anche i negozi al loro interno, chiudono nel weekend. Nessun fermo per alimentari, farmacie e parafarmacie.
  • MUSEI, ISTITUTI E LUOGHI DI CULTURA. Chiusi i musei e gli altri istituti e luoghi della cultura, comprese le biblioteche.
  • LUOGHI DI CULTO, CERIMONIE CIVILI E RELIGIOSE. L'apertura dei luoghi di culto è condizionata all'adozione di misure organizzative tali da evitare assembramenti di persone, tenendo conto delle dimensioni e delle caratteristiche dei luoghi, e tali da garantire ai frequentatori la possibilità di rispettare la distanza tra loro di almeno un metro. Sospese le cerimonie civili e religiose, comprese quelle funebri. 
  • PARRUCCHIERI, ESTETISTE, TATUATORI. Nell’esercizio delle attività “Servizi di saloni di barbiere e parrucchiere”, “Servizi di istituti di bellezza”, “Servizi di manicure e pedicure”, “Attività di tatuaggio e piercing” gli addetti impegnati nel servizio a contatto con i clienti DEVONO indossare una mascherina e guanti monouso, lavarsi le mani fra un cliente e l’altro con gel idroalcolico e pulire le superfici con soluzioni a base di alcol o cloro.

 

Il testo completo del decreto del 9 marzo 2020, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale, è scaricabile al fondo dell'articolo.

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.