3 ottobre 2019 - Rovigo, Cultura, Eventi

Teatro Sociale, presentata la nuova stagione

Lirica, Prosa, Danza, Jazz, Concertistica e Teatroragazzi

Lirica, Prosa, Danza, Jazz, Concertistica, Teatroragazzi: ecco le proposte della nuova stagione del Teatro Sociale. Ad aprire il sipario, è spiegato in una nota, sarà il 15 novembre Madama Butterfly di Giacomo Puccini. Il ricco calendario 2019-2020, è stato presentato oggi al Ridotto del Teatro. La prosa debutta con Luca Argentero, poi Silvio Orlando e tanti altri protagonisti.

Sullo sfondo la proiezione della nuova campagna promozionale, curata da Artax.

Una campagna, frutto di un lavoro di ricerca, come ha spiegato Andrea Artax, con immagini nuove che riguardano la purezza, la passione, il respiro, la dolcezza, per colpire a livello emozionale.

“Abbiamo voluto accogliervi – ha esordito l'assessore alla Cultura Roberto Tovo -, con queste immagini che creano la giusta atmosfera per un'immersione nella cultura. La presentazione della stagione teatrale è un evento articolato perché la stagione teatrale è articolata, spazia in molti ambiti con diverse offerte culturali, grazie alle varie competenze che hanno contribuito a realizzare questa stagione. La nostra volontà è di cercare percorsi culturali per la città in un'ottica di condivisione progettuale. Ne è una testimonianza, l'apertura della stagione Lirica con Madama Butterfly, in concomitanza con la mostra sul Giapponismo a palazzo Roverella. Inoltre, il cartellone sarà ulteriormente arricchito di eventi speciali, di piccole stagioni estive e di iniziative, soprattutto per la prosa, legate a soggetti artistici del nostro territorio Credo questa sia davvero una bella stagione teatrale, ringrazio gli sponsor, i partner “tecnici” e chi ha contribuito a realizzarla, invitando tutti a venire a teatro”.

Il direttore artistico Claudio Sartorato, ha illustrato la stagione, entrando nel merito della Lirica. Il progetto artistico della Stagione Lirica 2019/2020, presenta un calendario che vede tutti titoli importanti. Gli appuntamenti sono cinque, alle quattro opere, quest'anno si aggiunge l'operetta, non più come evento speciale, ma inserita nella Stagione Lirica. “E' stata accettata dal Ministero – ha affermato Sartorato -, e siamo felici di averla introdotta a tutti gli effetti nel cartellone. Con l'operetta abbracceremo un pubblico ancora più ampio. La nuova Stagione vede come sempre, l'importante collaborazione con altri teatri, quelli di Padova, di Livorno, di Novara e di Maribor”.

I dettagli della Prosa e della Danza, sono stati spiegati da Pierluca Donin, direttore di Arteven che collabora con il Comune. “Rovigo dovrebbe essere di esempio per il suo Teatro che ritengo perfetto. Un Teatro che dà spazio alla multidisciplinarietà è sicuramente da imitare”.

Sei spettacoli per la prosa e due per la danza, per un cartellone che prenderà il via il 15 dicembre con Luca Argentero.

Poi spazio al jazz che torna al Ridotto del Sociale, un appuntamento ormai consolidato, come ha detto Andrea Boschetti di Rovigo Jazz Club, la rassegna prevede 5 appuntamenti e si aprirà mercoledì 16 ottobre con JOY BROWN & MASSIMO FARAO TRIO feat. BYRON LANDHAM.

Il primo appuntamento con la Concertistica sarà il 22 dicembre con un concerto Gospel e tante iniziative anche per il Teatroragazzi che registra già il tutto esaurito alle recite proposte alle scuole.

Alla stagione che gode del patrocinio del Ministero per i Beni e le attività Culturali e della Regione Veneto, collaborano l'Orchestra Regionale Filarmonia Veneta, il Conservatorio F. Venezze , l'Orchestra di Padova e del Veneto, con il maestro Marco Angius, felice di questa collaborazione che auspica sempre più stretta, Ente Rovigo Festival.

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.

Accadde oggi