22 gennaio 2019 - Rovigo, Economia & Lavoro

Ance, piccoli cantieri: "Per la provincia di Rovigo spendibili subito 2,59 milioni"

Il presidente Paolo Ghiotti: “È indispensabile aprire velocemente i cantieri e non sprecare un’occasione preziosa”.

I costruttori di Rovigo si rivolgono ai Comuni beneficiari: sono spendibili subito -  spiegano in una nota - 2,59 milioni di euro di risorse aggiuntive per mettere in sicurezza strade, scuole, edifici pubblici e patrimonio culturale.

 

“Ai nastri di partenza il piano previsto dalla Legge di bilancio per il 2019 che assegna a favore dei Comuni 400 milioni di euro per la realizzazione di piccoli interventi appaltabili con procedure veloci”, spiega in una nota Ance Rovigo.

 

“Il 10 gennaio u.s. il Ministero dell’Interno ha provveduto, nei termini previsti dalla legge, a ripartire le risorse previste in base alla dimensione di comuni, nel seguente modo: 40.000 euro per ciascuno dei comuni con popolazione inferiore ai 2.000 abitanti; 50.000 euro per ciascuno dei comuni con popolazione tra i 2.000 e 5.000 abitanti; 70.000 euro per ciascuno dei comuni con popolazione tra i 5.001 e 10.000 abitanti; 100.000 euro per ciascuno dei comuni con popolazione tra i 10.001 e 20.000 abitanti.

 

Il piano fortemente voluto dall’Ance, che ricalca il modello spagnolo per le piccole opere, consentirà a 49 Comuni della Provincia di Rovigo, di usufruire di un contributo statale pari a 2,59 milioni di euro da destinare a interventi non già integralmente finanziati e aggiuntivi rispetto alla programmazione triennale”.

 

Paolo Ghiotti, presidente di Ance Rovigo – Sezione Edili di Confindustria Venezia Area Metropolitana di Venezia e Rovigo – Territoriale di Rovigo, invita i Comuni interessati a mettere subito in atto il piano che prevede tempi stringenti: “È indispensabile aprire velocemente i cantieri e non sprecare un’occasione preziosa per il territorio e per il settore”.

 

Come spiega l’Ance, il termine per beneficiare del contributo è, infatti, fissato al 15 maggio 2019, data entro la quale i lavori dovranno necessariamente partire.

Per il presidente Ghiotti, infatti, “il piano del Governo costituisce un modello per accelerare l’utilizzo delle risorse e intervenire rapidamente per realizzare opere utili al territorio e ai cittadini. Uno strumento che ci auguriamo che in futuro venga incrementato e potenziato così da poter essere utilizzato su più ampia scala”.

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.