12 settembre 2018 - Rovigo, Eventi

Rovigo Cello City, musica in città

Diario della manifestazione

Si è conclusa domenica 9 settembre la quinta edizione di Rovigo Cello City. La giornata, commentano gli organizzatori,  è iniziata alle ore 8 presso il chiostro del Museo dei Grandi Fiumi con Rossini con brio(ches), un breve intervento musicale di Alessia Bruno al violoncello ed Enrico Benà al contrabbasso. L'esecuzione è stata seguita da una colazione con brioches resa possibile grazie alla collaborazione con il bar pasticceria Gocce di Miele di Rovigo.

Sono seguiti poi i tre turni in Accademia dei Concordi per la visita al castello librario. Un evento a numero chiuso su prenotazione che ha visto il Presidente dell'Accademia, Giovanni Boniolo, il vicepresidente Pier Luigi Bagatin e la Dott.ssa Antonella Turri guidare i visitatori tra polvere e libri rari, sulle note del preludio della Suite No. 1 di Bach per violoncello eseguito rispettivamente dal maestro Luigi Puxeddu, e dalle studentesse Marina Pavani e Caterina Colelli.

Alle 11:30 presso la Gran Guardia, i giovanissimi violoncellisti del Conservatorio Francesco Venezze e della Scuola Suzuki del Veneto hanno coinvolto il pubblico di Piazza Vittorio Emanuele II con un concerto diretto dalle docenti Sara Zalloni, Edvige Forlanelli e Marta Storer.

Gli spettacoli sono ripresi nel pomeriggio, alle 16:30 presso una gremita Chiesa del Cristo, con 6+4 Strings Ensemble. Il M° Massimo Contiero ha aperto l'evento con una presentazione sulla storia della suggestiva Chiesetta, poco conosciuta dai rodigini stessi, e sul programma del concerto. Il Venezze ChitarrEnsemble e I Violoncelli di Rovigo Cello City hanno proposto brani tratti dai repertori di Bach, Villalobos, Rodrigo e Vivaldi. Molto applaudita anche la partecipazione della cantante Marina De Liso.

La giornata si è conclusa alle ore 19 con la chiusura di Buon Compleanno Musica a Fumetti!!!!, la mostra dei disegni di Fabio Vettori e Alessandro Gottardo allestita presso la Gran Guardia. All'evento erano presenti il Presidente Luigi Puxeddu e tutti gli organizzatori di Rovigo Cello City, la curatrice della mostra Claudia Lapolla e alcuni ragazzi dei Violoncelli di Rovigo Cello City che, assieme al maestro, hanno eseguito dei brani preparati ed eseguiti durante le precedenti giornate del festival. "Si è concluso così, dopo nove giorni di eventi e grandi successi, Rovigo Cello City 2018, il festival, ideato da Luigi Puxeddu, che tra mostre, concerti e masterclass, ha fatto sì che per più di una settimana le note dei violoncelli non abbiano mai smesso di risuonare per le vie di Rovigo.

 

Ricordiamo che la rassegna è stata resa possibile grazie alla sensibile disponibilità di Fondazione Cassa di Risparmio di Padova e Rovigo, Fondazione Banca del Monte, Ministero per i beni e le attività culturali, Regione del Veneto, Accademia dei Concordi, Conservatorio di Musica Francesco Venezze di Rovigo, Asolo Musica, Fondazione per lo sviluppo del Polesine in campo letterario, artistico e musicale, Rotary Club Rovigo e con il patrocinio del Comune di Rovigo".

 

 

 

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.