10 maggio 2018 - Rovigo, Cronaca

Occhiobello, lavori al ponte: incontro al Ministero

Le istituzioni locali a Roma

Un invito al ministero delle Infrastrutture e dei trasporti giovedì 10 maggio per ‘individuare soluzioni di viabilità alternativa volte a ridurre al minimo i disagi per l’utenza’. È stato convocato dal ministero, spiega il Comune di Occhiobello in una nota stampa, il tavolo più volte richiesto dalla istituzioni locali, attorno al quale affrontare i lavori al ponte e le ripercussioni sulla mobilità di migliaia di cittadini.

A dialogare con i funzionari ministeriali, ci saranno Regione Emilia Romagna, Regione Veneto, Provincia di Rovigo, Comuni di Ferrara e Occhiobello, Anas, società Autostrade e la Direzione generale per la vigilanza sulle concessioni autostradali.

“Andremo a Roma chiedendo la disponibilità a ragionare su costi e modalità per affrontare insieme la chiusura del ponte – anticipa il sindaco Daniele Chiarioni -, le amministrazioni locali non possono essere lasciate sole nel sostenere le spese e nel trovare servizi alternativi ai cittadini, non dimentichiamo che il bacino di utenza va ben oltre il Comune di Occhiobello e include buona parte dell’altopolesine”.

Il Comune di Occhiobello, infatti, si è reso portavoce anche dei Comuni di Stienta, Gaiba, Fiesso Umbertiano, Pincara e Canaro per i quali è stata chiesta l’inclusione nella convenzione con Autostrade che darà diritto al gratuità nella tratta Occhiobello – Ferrara nord e viceversa.

Alla riunione di coordinamento a Roma, che avrà inizio alle 15.30, parteciperanno il sindaco Daniele Chiarioni, l’assessore ai lavori pubblici Davide Valentini e il presidente della Provincia Marco Trombini.

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.