1 febbraio 2018 - Rovigo, Cronaca

Il Museo Grandi Fiumi approda a Trieste

Nell'ambito della mostra internazionale "Nel mare dell'intimità. L'archeologia subacquea racconta l'Adriatico".

Il Museo Grandi fiumi esce dai confini polesani e approda a Trieste. La città friulana ospita fino al primo maggio, la grande mostra internazionale “Nel mare dell'intimità. L'archeologia subacquea racconta l'Adriatico". Ed è qui, nello splendido Salone degli Incanti dell'ex Pescheria, che una parte del Museo di Rovigo trova spazio. I tanti visitatori, italiani e stranieri, potranno ammirare il modello di nave da carico greca arcaica della sezione Età del Ferro del Museo dei Grandi Fiumi.

Nel frattempo - si legge in una nota stampa- per non sottrarre al pubblico rodigino una tappa significativa del percorso archeologico, lo staff del museo ha progettato e realizzato un'originale soluzione in plexiglass, di grande effetto scenografico che, una volta rientrato il modello tridimensionale, avrà una seconda vita come strumento didattico. Un doppio invito, dunque: a scoprire il mondo mediterraneo attraverso l'archeologia subacquea, cogliendo magari l'occasione di uno dei tanti eventi collaterali organizzati dalla Regione autonoma Friuli Venezia Giulia e dal Comune di Trieste, ma anche a conoscere o riconoscere la storia, la vitalità e i collegamenti del Polesine attraverso gli affascinanti racconti del Museo dei Grandi Fiumi.

 

 

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.