10 gennaio 2018 - Rovigo, Cronaca

Si alza il sipario sulla stagione di prosa del teatro Sociale

Presentato il calendario

Si alza il sipario sulla Stagione di Prosa del Teatro Sociale di Rovigo. Sei appuntamenti con titoli di grande richiamo più la rassegna “Donne da palcoscenico”. E' il calendario organizzato dall'assessorato alla Cultura in collaborazione con Arteven e Minimiteatri. A questo si aggiunge l'evento speciale con lo spettacolo Inferno del Teatro del Lemming.

“Siamo felici – ha detto il sindaco Massimo Bergamin -, di presentare una Stagione che si preannuncia già un successo, frutto di più collaborazioni in un'ottica di ampia visione di crescita della nostra città”.

Soddisfazione anche da parte dell'assessore alla Cultura Alessandra Sguotti che ha evidenziato i dati riguardanti gli abbonamenti: 382 più altri già prenotati per quest'anno, rispetto ai 354 della passata stagione. “Ringrazio collaboratori e sponsor per aver creduto e costruito insieme questo progetto. Il 2018 sarà l'anno delle grandi sfide e dei cambiamenti. Se vogliamo candidarci a città della Cultura nel 2021, dobbiamo far si che tutta la comunità sia coinvolta e che la cultura sia il cuore pulsante di tutto ciò che avviene nella nostra città”.

Grandi attori come Giulio Scarpati, Valeria Solarino, Sandra Milo, Franco Branciaroli, Corrado Tedeschi, Brigitta Boccoli, Enrico Lo Verso, Ambra Angiolini, Francesca Reggiani e tanti altri, saranno protagonisti di una Stagione di grande attrattiva con spettacoli di qualità, divertenti e anche di riflessione.

Pierluca Donin direttore di Arteven, “felice di aver partecipato a questo progetto”, ha illustrato il calendario.

Si parte con Solarino e Scarpati in “Una giornata particolare”, seguono una commedia con Sandra Milo, artista di grande esperienza in “Twist” e uno spettacolo straordinario, “Medea”, cavallo di battaglia di Branciaroli. Il calendario prosegue poi con una giovanissima compagnia emergente, Stivalaccio teatro in una reinterpretazione de “Il malato immaginario” e con un'altra commedia “Quel pomeriggio di un giorno da.. star”, interpretata da Tedeschi, Boccoli e Coltorti, per finire con uno spettacolo classico interpretato da un attore molto serio Enrico Lo Verso in “Uno nessuno centomila”.

Minimiteatri, come ha spiegato Letizia Piva che segue la direzione artistica, anche quest’anno propone la rassegna Donne da Palcoscenico, giunta alla quarta edizione. Il format è intitolato Donne dell’altro mondo ed è composto da tre spettacoli (di cui uno anche per Teatro Ragazzi), un Laboratorio Teatrale e due conferenze di introduzione ed approfondimento, ospitate in Accademia dei Concordi.

Tra le novità di questa stagione, il ritorno al Sociale, dopo 14 anni, del Teatro del Lemming con lo spettacolo Inferno il 23 febbraio. “Ritornare in centro è per noi - ha detto Diana Ferrantini -, motivo di grande soddisfazione, una sfida che accettiamo volentieri, perché il teatro di ricerca e sperimentazione deve essere per tutti. Proporremmo anche un lavoro al Teatro Studio nell'ambito del Teatroragazzi”.

 

IL CALENDARIO

12 gennaio

Valeria Solarino-Giulio Scarpati

Una giornata particolare

 

20 febbraio

Sandra Milo

Twist

 

7 marzo

Franco Branciaroli

Medea

 

13 marzo

Stivalaccio Teatro

Il malato immaginario

 

28 marzo

Corrado Tedeschi – Brigitta Boccoli – Ennio Coltorti

Quel pomeriggio di un giorno da... star!

 

12 aprile

Enrico LoVerso

Uno nessuno e centomila

 

La rassegna “Donne da palcoscenico” prevede tre date: "Nell'Inferno le donne" con gli attori di Minimiteatri, il 12 maggio, "Balkan Burger" con Ambra Angiolini il 20 maggio, e "Tutto quello che le donne (non) dicono" con Francesca Reggiani il 25 maggio. Tutti gli spettacoli inizieranno alle 21.

 

Per info: Botteghino tel. 0425/25614, e-mail teatrosociale.botteghino@comune.rovigo.it

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.