21 ottobre 2016 - Rovigo, Arte

"Le madri della Costituzione" in mostra alla Pescheria Nuova

Questa mattina l'inaugurazione

E’ stata inaugurata questa mattina in Pescheria nuova di Rovigo dalla vice presidente del Senato della Repubblica Valeria Fedeli la mostra “Le 21 Madri della Costituzione – Il contributo delle donne all’assemblea costituente 1946-1948” curata dagli studenti del liceo Paleocapa e ideata dall’insegnante Rosanna Beccari, presenti la presidente della commissione provinciale Raffaela Salmaso, la consigliera di Parità Anna Maria Barbierato, l’assessore alla Cultura del Comune di Rovigo Andrea Donzelli ed il vice presidente della Provincia Vinicio Piasentini.

Per il vice presidente della Provincia con delega alle Pari Opportunità, Vinicio Piasentini “Non sono finiti i problemi di genere e la condizione femminile è tutt’altro che risolta”. “Attraverso la mostra – ha proseguito –si fa rivivere la cultura della Pari Opportunità, si trasmettono alle nuove generazioni l’importanza delle parità, del rispetto”.

“In questi70 anni di storia democratica, di 70 anni dal voto alle donne, la componente femminile nelle istituzioni è ancora molto bassa, in consiglio provinciale, siamo tutti maschi, ma sono convinto che le nuove generazioni sapranno fare meglio”.

La mostra che resterà aperta fino al 27 ottobre si compone di 21 pannelli, ognuno dei quali dedicato a ciascuna “madre costituente”, con tracciato l’impegno politico successivo ed un pannello generale che raccoglie altre indicazioni. La mostra prosegue anche nella parte sopra.

Poi il convegno nella sala Oliva dell’Accademia dei Concordi con “Il lungo cammino delle donne verso la parità: dalla Costituente ad oggi”.

 

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.