15 marzo 2016 - Rovigo, Cronaca

Occhiobello, un progetto per le scuole contro il cyberbullismo

Un progetto per prevenire il cyberbullismo. La commissione consiliare Politiche della sicurezza di Occhiobello ha discusso come avviare, nelle scuole, la prevenzione attraverso l'educazione dei ragazzi.
Docenti, forze dell'ordine, una psicologa, un istruttore di educazione fisica e arti marziali a disposizione degli adolescenti per 'formare' sia rispetto ai pericoli della rete e dei social network sia riguardo i comportamenti sociali che possono generare fenomeni di bullismo. Nelle ore di educazione fisica, inoltre, un istruttore potrà aiutare i ragazzi nel consolidamento dell'autostima e nella consapevolezza di sapersi difendere in situazioni critiche.
“Il progetto è frutto di un'attività di ricerca e collaborazione fra tutte le forze sociali e istituzionali presenti sul territorio – spiega Luca Sgarbi, presidente della commissione consiliare -, vorremmo fornire informazioni ai ragazzi, ma anche contribuire alla crescita della fiducia in loro stessi rendendoli più sicuri con i coetanei. Cerchiamo, quindi, oltre alla prevenzione, di aiutare i ragazzi a uscire da situazioni di disagio, sappiamo che purtroppo il bullismo è un fenomeno che nella maggior parte dei casi rimane sommerso e pesa solo sulle singole vittime”.
Il progetto ha già trovato applicazione in altri paesi esteri e in alcune città d'Italia.
La commissione sarà aggiornata alla settimana prossima per proseguire la discussione dei restanti punti all'ordine del giorno che, per questioni di tempo, non sono stati affrontati.

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.

Commenti Recenti