18 febbraio 2016 - Rovigo, Cronaca

Troppa pesca abusiva, dal 1° marzo l'alt della Provincia

Divieto temporaneo di pesca professionale nel fiume Po e nel Fiessero-Tartaro-Canalbianco

Un divieto temporaneo di pesca professionale dal 1° marzo nel fiume Po e nel Fiessero-Tartaro-Canalbianco è stato firmato dal presidente della Provincia Marco Trombini a “seguito delle numerose segnalazioni” di attività di pesca abusiva in orario notturno.

“Preso atto – riporta il decreto - che la limitazione di orario introdotta nel maggio del 2014 non si è dimostrata sufficiente ad arginare il fenomeno” dal 1° marzo, ed in attesa dell’entrata in vigore del nuovo regolamento regionale sulla pesca, è vietata la pesca professionale nel Po dai confini con la provincia di Mantova al ponte sulla provinciale 5 a Polesella e nel Fissero-Tartaro-Canalbianco dai confini con Verona alle chiuse della conca di Baricetta.

“Pesante depauperamento” della risorsa causato dal “costante e massiccio” prelievo di fauna ittica, anche pregiata “con mezzi vietati ed altamemnte invasivi” come l’uso della corrente elettrica e le difficoltà di interventi efficaci “nonostante l’impegno delle forze dell’ordine” chiamate a presidiare circa 5 mila chilometri di corsi d’acqua hanno indotto il capo di Palazzo Celio ad estendere il divieto temporaneo.

L’adozione di interventi per arginare “con maggior efficacia il fenomeno del bracconaggio” era stata pure sollecitata dalle giunte dei Comuni di Corbola, Stienta, Pettorazza Grimani, Copsta, Bosaro, Lendinara, Canaro e Castelnovo Bariano.

Tag: pesca

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.