4 marzo 2013 - Rovigo, Turismo, Economia & Lavoro

Marinara, l'Autorità Portuale: “Fuori i mercanti speculatori dal tempio”

Non le manda a dire Galliano di Marco, presidente dell'Autorità portuale di Ravenna inferocito dalle dichiarazioni di Seaser e Sorgeva, che hanno parlato di “atteggiamenti ostili e vessatori” dell'Autorità: “Io sono a Ravenna da un anno, forse avrei dovuto già cacciarli via”. Il provvedimento di decadenza della concessione demaniale, ha spiegato oggi in una conferenza stampa, potrebbe essere pronto a giorni.

Cosa succederà dopo non lo sa, ma per Di Marco la priorità è “ripulire l'ambiente”, per poi cercare nuovi gestori e rilanciare il porto, che ora definisce “un deserto”. “Non ho visto niente, non ho visto un piano, non ho visto soldi. Per rilanciare Marinara servono fondi, invece Seaser aspetta i soldi delle banche, che però non arriveranno mai. Io voglio fare il rilancio di Marinara con chi ha la capacità economica per farlo. Sorgeva è una coop di contadini che non so per quale motivo si è ritrovata in questa situazione, mentre Italia Navigando ha dimostrato di non possedere il necessario know how, e mi viene il dubbio che non abbia proprio un'organizzazione. Nel 2012 hanno preso i soldi del contratto e non hanno gestito il porto; non posso che definirli venditori di fumo”.

Per Di Marco l'unica strada percorribile è che le banche si siedano al tavolo e lavorino da azioniste. “Scriverò una lettera formale a Banca Intesa e Unicredit per convincerli nuovamente ad avere un ruolo meno passivo e rilanciare Marinara con gestori credibili”. Gestori che non saranno ravennati: “Ho speso gli ultimi mesi a fare incontri con gli imprenditori e le associazioni della città, senza trovare qualcuno che possa prendere l'incarico. A livello internazionale invece ho già trovato gruppi interessati. Le possibilità ci sono, bisogna però che se ne vadano via quelli che ci sono adesso”. Di Marco spiega di non voler scendere a patti: “Se non si segue questa linea, sono disposto a dimettermi. Sono state fatte cose dell'altro mondo, io posso andarmene ma prima farò in modo che se ne vadano i mercanti speculatori dal tempio. Ci ho messo la faccia e vado fino in fondo, però non intendo mettere in difficoltà le istituzioni”.

Nessuna commissione tecnica spiega il presidente, la politica ne deve star fuori: “C'è chi pensa che nel 2013 i problemi si possano ancora risolvere con la politica. Sbagliato. Qua servono soldi, investitori, gente con le competenze. Non ho mai ricevuto pressioni di alcun tipo, le accuse rivolte al sindaco Matteucci sul suo presunto 'silenzio assordante' le rimando al mittente”. E i condomini di Marinara? “Intendiamo ovviamente tutelarli. Secondo i codici quando finisce la concessione tutti se ne devono andare. Ma i codici sono interpretabili e si troverà una soluzione. L'importante ora è trovare un gestore”.

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.