18 dicembre 2012 - Rovigo, Economia & Lavoro, Terremoto

Rimborsati in Polesine 500.000 euro per l'emergenza terremoto

Rovigo - Il presidente della Regione del Veneto Luca Zaia, nella sua veste di Commissario delegato per il terremoto, ha comunicato che cono stati interamente erogati ai beneficiari i circa 500 mila euro stanziati nei primi giorni dell’emergenza in relazione al sisma che il 20 e 29 maggio scorso ha interessato numerosi Comuni del Polesine.

Si tratta del ristoro delle somme per spese sostenute nelle prime 72 ore della prima emergenza e per le opere provvisionali urgenti.

Circa 400 mila euro sono stati destinati ad interventi in edifici di culto della Diocesi di Adria-Rovigo, sui quali si erano rese necessarie soprattutto opere di messa in sicurezza, e di ulteriori 100 mila euro relativi a spese di tipo emergenziale come acquisto o nolo di materiali e macchinari per interventi urgenti, allestimento di tensostrutture, messa a disposizione di alloggi per la popolazione, preparazione di pasti, costi sostenuti per il personale.

“Sin dalle prime ore successive ai due eventi sismici – sottolinea Zaia – la macchina dei soccorsi ha operato con efficacia e prontezza, da un lato intervenendo a supporto della popolazione e dei Comuni, dall’altro sui numerosi danni verificatisi sugli edifici di culto. Adesso ogni spesa è stata saldata, a dimostrazione che il lavoro è stato portato avanti in tempi rapidi e con la massima concretezza”.

Gli edifici di culto interessati dall’erogazione dei circa 400 mila euro sono complessivamente 20 (in calce l'elenco completo).

I rimanenti 100 mila euro sono stati utilizzati nei Comuni di Calto, Castelmassa, Ficarolo, Trecenta, Ceneselli, Castelguglielmo, Melara, Occhiobello, Bagnolo di Po, Canaro, Gaiba e per spese di personale sostenute dalla Provincia di Rovigo.

Questo l'elenco delle opere finanziate:

€ 25.355,00 Opere di messa in sicurezza chiesa Santo Stefano - Stienta

€ 605,00 Opere di messa in sicurezza chiesa Santo Stefano - Stienta

€ 16.927,90 Opere di messa in sicurezza chiesa Sant'Ippolito di Giacciano con Baruchella

€ 49.487,00 Opere di messa in sicurezza chiesa San Materno Vescovo - Melara

€ 1.727,00 Opere di messa in sicurezza chiesa Natività B.V. Maria - Fiesso Umbertiano

€ 3.872,00 Parrocchia di Fiesso Umbertiano

€ 3.061,30 Opere di messa in sicurezza chiesa S. Antonio di Padova - Castelnovo Bariano

€ 5.904,80 Opere di messa in sicurezza Oratorio Beata Vergine Maria - Gaiba

€ 2.066,68 Opere di messa in sicurezza Chiesa di Gaiba

€ 1.306,80 Opere di messa in sicurezza Chiesa di Gaiba

€ 149.176,00 Opere di messa in sicurezza Parrocchia S. Antonio Martire - Ficarolo

€ 30.932,00 Opere di messa in sicurezza Parrocchia San Stefano - Castelmassa

€ 24.529,52 Opere di messa in sicurezza campanile Parrocchia San Stefano - Castelmassa

€ 550,00 Opere di messa in sicurezza oratorio Parrocchia San Stefano - Castelmassa

€ 43.530,02 Opere di messa in sicurezza Parrocchia San Valentino Martire - Salara

€ 19.360,00 Opere di messa in sicurezza chiesa Parrocchia B.V. Maria - Bagnolo di Po

€ 7.402,45 Opere di messa in sicurezza Parrocchia dell'Annunciazione di Maria Santissima - Ceneselli

€ 1.079,10 Opere di messa in sicurezza Parrocchia San Nicola da Bari - Castelguglielmo

€ 6.971,11 Opere di messa in sicurezza Parrocchia San Gerardo Sagredo- Castelguglielmo

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.