9 ottobre 2012 - Rovigo, Eventi, Società

L'eccidio di Villamarzana. Per non dimenticare

Rovigo - Dopo firma dell'armistizio tra Italia e Forze Alleate e la successiva comunicazione avvenuta l'8 settembre 1943, i tedeschi si rifugiarono a nord della "Linea gotica", mentre l'esercito del Regno d'Italia veniva lasciato allo sbando senza ordini e direttive.

Circa 600.000 militari italiani vennero deportati nei lager dalle truppe naziste e di fatto, essendo gli alleati ancora troppo lontani poiché sbarcati a Salerno lo stesso 8 settembre, il nord Italia fu lasciato in mano ai nazisti e l'esercito dei repubblichini fascisti.

Le offensive e i sabotaggi dei gruppi partigiani attraverso la guerriglia furono l'unica difesa dall'occupazione tedesca. Per soffocare le azioni di ribellione i nazisti, spesso con l'ausilio della Guardia Nazionale Repubblicana e delle Brigate Nere - fondamentali per le operazioni di rastrellamento - compirono per tutto il corso del 1944 circa 400 eccidi, uccidendo circa 15.000 persone nelle zone dove trovavano rifugio le brigate partigiane.

Il Polesine fu uno di questi scenari.

Gli ideali del movimento partigiano non furono condivisi da parte dalla borghesia cittadina, ma i partigiani ottennero l’appoggio e la protezione delle borgate più povere, di solito contadine.
Tra la nebbia e l'afa dei campi polesani, la Resistenza germogliò con gruppi nati ad Adria, Badia Polesine, Castelmassa, Ceneselli, Ficarolo, Fiesso Umbertiano ed Occhiobello (solo per citarne alcuni), subito diventati una spina nel fianco dei nazifascisti che reagirono con rastrellamenti e rappresaglie.

L'ottobre del '44 fu un mese cruento per la provincia di Rovigo.
Il 5 ottobre l'U.P.I. (Ufficio Politico Investigativo, la Gestapo dell'esercito repubblichino) di Rovigo provò ad infiltrare quattro spie all'interno del gruppo partigiano, comandato da “Loris” Giorgio dall’Aglio, per stanare e sopprimere lo stesso gruppo.
I partigiani scoprirono gli infiltrati ed il 6 ottobre e li giustiziarono nei pressi della cascina ‘Stongarde’ di Villamarzana, dove poi i quattro cadaveri furono sepolti.
La reazione dei nazifascisti non si fece attendere.

Nella notte tra il 13 ed il 14 ottobre a Bagnolo di Po, Fiesso Umbertiano, Fratta Polesine, Lendinara, Pincara, San Bellino, e Villamarzana gli uomini della 19a compagnia delle "Brigate Nere" compirono un rastrellamento catturando più di cento persone.

Dopo svariate ore di tortura alcuni prigionieri confessarono l'esecuzione dei quattro fascisti, avvenuta otto giorni prima. Undici persone morirono durante le torure cui furono sottoposte.
Quarantadue di questi “arrestati”, la mattina del 15 ottobre, vennero condannati a morte, trasferiti a Villamarzana e rinchiusi nella casetta del barbiere in attesa dell'esecuzione. Erano quarantadue per rispettare la legge della rappresaglia nazista dell'uno a dieci, visto che erano stati uccisi quattro fascisti.

Poco dopo le 16,00 si procedette con l'esecuzione di sette gruppi composti da sei prigionieri l'uno, che volta per volta venivano fucilati alla schiena da un plotone di esecuzione composto da ventotto italiani, davanti agli occhi della popolazione di Villamarzana che assisteva senza poter intervenire perché rinchiusa  La drammatica sequenza durò fino alle 17,30.

Nell'esecuzione del 15 ottobre furono uccise 41 persone, tra cui nove ragazzi tra i quindici ed i diciassette anni.

Solo una persona riuscì a scampare alla morte perché fu ferito durante la fucilazione ma non ucciso. Si risvegliò nella fossa comune assieme ai cadaveri delle persone cadute sotto il piombo dei moschetti italiani. Altre due persone verranno giustiziate successivamente.

Sul muro della casetta tra i fumi usciti dalle canne di fucili si legge la scritta “Primo Esempio”.

Villamarzana ha pagato col sangue dei suoi figli il prezzo per ottenere la medaglia d'argento al valor militare.

In ricordo dell'eccidio è stato costruito un Sacrario a memoria delle 43 vittime sul muro della casetta del barbiere, dove campeggia una lunga lapide con tutti i nomi dei caduti per mano fascista.

Il muro dove è avvenuta l'esecuzione è conservato all'interno del monumento, lasciato così com’era: sono ancora visibili i fori delle pallottole sparate dal plotone d’esecuzione.
Tra domenica e lunedì ci saranno delle iniziative per ricordare il 68° anniversario dell'eccidio.

Il programma del comitato per le celebrazioni della Resistenza inizia alle 9 da Castelguglielmo con la formazione del corteo per il cimitero e deposizione corone al mausoleo dei Martiri.

Alle 10,30 a Villamarzana verrà cenebrata una messa davanti al monumento dei 43 Martiri con  la deposizione delle corone. Alle 11,15 interventi del sindaco di Villamarzana Valerio Galvan e del sindaco dei Ragazzi, poi le commemorazioni con il parlamentare Walter Veltroni ed il presidente nazionale dell’ANPI Carlo Smuraglia.

Alle 12.15 formazione del corteo per deposizione corone al cimitero.

Nei manifesti per il 68° anniversario dell’eccidio di Villamarzana che in questi giorni stanno comparendo nei comuni polesani con indicato il programma della giornata, la presidente del comitato Tiziana Virgili rivolgendosi ai ragazzi ed ai giovani che parteciperanno alla commemorazione: “è d’obbligo richiedere un impegno ed uno sforzo quotidiano perché le parole pace e democrazia vengano conservate ed alimentate tutti i giorni, con la consapevolezza che purtroppo spesso la memoria è labile, ma è sempre la storia del passato a costruire il nostro futuro”.

Sempre per la memoria collettiva il 14 e 15 ottobre avverranno due proiezioni del documentario "La lunga marcia dei 54" (in basso il trailer) del regista rodigino Alberto Gambato, in parte fonte del presente articolo, che ricostruisce l’eccidio di Villamarzana, che unitamente al rastrellamento di Castelguglielmo avvenuto nel giorno precedente mietè 54 vittime, tra civili e partigiani.

Il documentario è stato patrocinato dai Comuni di Villamarzana e Castelguglielmo, Provincia di Rovigo, Regione del Veneto ed Archivio di Stato di Rovigo.
Le proiezioni avverranno:

- 14 ottobre 2012, ore 18, Rovigo (RO), Sede Arci Provinciale, Viale Trieste n.° 29;
- 15 ottobre 2012, ore 21, Costa di Rovigo (RO), Biblioteca comunale, piazza San Rocco n.° 17.

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.