1 ottobre 2012 - Rovigo, Cronaca, Cultura, Eventi

Su il sipario

Ferrara – Si apre sulla nuova stagione il sipario del Teatro Sociale di Rovigo. “Siamo felici di poter aprire le porte del nostro Teatro con un evento di sicuro richiamo per appassionati e non”.

E’ quanto ha affermato il sindaco Bruno Piva, in occasione della presentazione del Galà lirico che giovedì 4 ottobre alle 21, darà ufficialmente il via alla nuova stagione del Sociale. Una stagione che, come ha sottolineato il sindaco, nonostante le difficoltà economiche, si presenta di grande qualità e richiamo.

“La nostra è una città piccola – ha aggiunto il sindaco - se guardiamo il numero di abitanti, ma grande dal punto di vista culturale, con una ricca offerta, prova ne è anche il susseguirsi di iniziative proposte durante le due giornate dedicate al Patrimonio europeo e il numero di perosne che hanno visitato il museo”.

Pienamente d’accordo l’assessore alla Cultura Anna Paola Nezzo, che ha voluto sottolineare il prestigio della serata in programma giovedì. “Quest’anno il primo spettacolo in calendario sarà di prosa, ma non abbiamo voluto interrompere la tradizione e così abbiamo pensato di organizzare un concerto lirico con una rosa di personaggi importanti che canteranno le arie più belle della lirica. Durante la serata verrà consegnato un omaggio alla carriera a Mariella Devia, grandissima stella internazionale della lirica, che sarà anche protagonista di Maria Stuarda al Sociale. Ribadisco con piacere l’attenzione dei rodigini alla musica e la grande partecipazione di pubblico ai vari concerti e rassegne organizzati durante l’estate e questo fine settimana, ne sono una testimonianza. Per noi è motivo di grande soddisfazione”.

Tutti gli interpreti del Galà lirico, suoneranno e canteranno gratuitamente. Questo grazie al grande rapporto di amicizia con il nostro teatro, come ha evidenziato Milena Dolcetto, responsabile ufficio Promozione e immagine, in rappresentanza del direttore artistico Stefano Romani.

Il programma prevede una carrellata dei più grandi compositori italiani e europei dell’800-primi novecento. Il costo del biglietto è di 20 euro, 10 per gli abbonati (a qualsiasi stagione).

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.