19 luglio 2012 - Rovigo, Cronaca

Agli arresti domiciliari per stalking

Rovigo - Agli arresti domiciliari un giovane ucraino: importunava la sua ex-ragazza, non accettando che la relazione fosse terminata.

E' finita con una denuncia per stalking e relativa condanna la relazione fra una una ragazza di Rovigo ed un giovane di 23 anni, ucraino e residente in città.

Lei, minorenne, tempo fa aveva deciso di interrompere la loro relazione ma la reazione dell'innamorato è stata piuttosto dura: sentendosi rifiutato ha perseguitato la sua ex con telefonate e messaggi, la seguiva pedinandola. Spesso si appostava fuori scuola e l'aspettava all'uscita, portando la studentessa a sentirsi in ansia, persino in pericolo, e frustrata dalla presenza sgradita dell'ex fidanzatino.

Per questo i genitori della ragazza si sono rivolti alla Polizia: gli uomini della Squadra Mobile hanno ascoltato il racconto della ragazzina, raccogliendo accuratamente tutti gli elementi utili alla ricostruzione dell’intera vicenda e il corposo dossier è stato trasmesso alla Procura di Rovigo.

Due giorni fa, dunque, l'epilogo della vicenda: gli stessi investigatori hanno rintracciato il ragazzo e gli hanno notificato l’ordinanza della misura cautelare degli arresti domiciliari.

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.