23 marzo 2012 - Rovigo, Cultura

Il Fai apre Palazzo Angeli e Palazzo delle Poste

Un weekend di promozione culturale e artistica del territorio

Palazzo Angeli e Palazzo delle Poste aprono le porte al Fai. In occasione della XX Giornata di primavera, sabato 24 e domenica 25 marzo, i due prestigiosi palazzi saranno accessibili a chi vorrà visitarli. “Un’importante iniziativa – ha detto il sindaco Bruno Piva, in occasione della presentazione avvenuta oggi a palazzo Nodari -, che darà modo a molti rodigini di scoprire tanti aspetti non conosciuti delle due prestigiose strutture.

Palazzo Angeli rappresenta una delle meraviglie architettoniche della nostra città e colgo l’occasione per ringraziare la Fondazione Cariparo, che ci ha permesso il recupero”. L’assessore alla Cultura Anna Paola Nezzo ha aggiunto che si tratta di una preziosa occasione per recuperare un po’ del nostro passato e della nostra storia, facendo vivere alla città un momento di festa e di attenzione al nostro patrimonio storico artistico.

L’iniziativa è stata illustrata da Chiara Tosini referente della delegazione Fai di Rovigo. Palazzo Angeli sarà aperto sabato mattina dalla 10 alle 12.30 e domenica dalle 10 alle 12.30 e dalle 14.30 alle 18.30, mentre Palazzo delle Poste sabato pomeriggio dalle 14.30 alle 18.30 e domenica dalle 10 alle 12.30 e dalle 14.30 alle 18.30. All’iniziativa, oltre al Comune e a Poste Italiane, hanno collaborato Ascom Rovigo, Opra srl, Fiab Amici della bici di Rovigo, Protezione civile, amici e volontari del Fai. Per l’occasione gli Amici della bici visiteranno palazzo Angeli domenica mattina, poi si trasferiranno in bici alla mostra di Fratta Polesine su Galileo Chini e al pomeriggio rientro in città con visita al Palazzo delle Poste. Oltre ad aprire il Palazzo le Poste italiane ha organizzato un annullo filatelico dedicato all’evento.

“Per Poste Italiane è un’occasione per ribadire la vicinanza ai valori che ispirano l’attività del Fai, da sempre impegnato a tutelare un patrimonio che è parte fondamentale delle radici e dell’identità del nostro paese”, ha dichiarato Mauro Longhi, Direttore della Filiale di Rovigo. Domenica 25 marzo sarà allestito all’interno del palazzo (orario: 10.15/13 – 14/17.45) uno spazio filatelico nel quale sarà possibile inviare corrispondenza con un timbro dedicato all’evento. Saranno inoltre disponibili le più recenti emissioni di francobolli con tematiche attinenti alla manifestazione, insieme ai tradizionali prodotti filatelici di Poste Italiane. Poste Italiane attiva Servizi filatelici temporanei in occasione di convegni, celebrazioni, manifestazioni filateliche, sportive, culturali, umanitarie, anniversari di personalità scomparse, inaugurazioni.

L’impronta resta una preziosa testimonianza dell’evento a cui si partecipa e rinnova l’antichissima tradizione del bollo postale cui si aggiungono caratteristici elementi grafici di immagine che riproducono il tema della manifestazione.

Due anni fa, il 23 marzo 2010, un annullo filatelico era stato dedicato all’inaugurazione del restaurato palazzo e dell’ufficio postale Rovigo Popolo. Alla presentazione dell’iniziativa erano presenti anche i delegati Fai di Rovigo, Stefano Fantinati, Lino Segantin, Luigi Crivellari, Marina Mini, Massimiliano Furini e glia architetti Giovanna Bordin, Davide Zagato, Cristian Peluso, che sabato e domenica accompagneranno i visitatori alla scoperta dei due palazzi.

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.