6 aprile 2011 - Rovigo, Cronaca

Telefono Azzurro a Convegno

L'appuntamento nella sala Arzenton sui fenomeni di abuso e maltrattamento

Troppi bambini e adolescenti continuano a subire violenze. Un fenomeno sul quale è necessario riflettere per capire come prevenire e intervenire nei casi di abuso e maltrattamento. E’ l’obiettivo del convegno promosso da Telefono Azzurro di Rovigo, con il patrocinio della Regione Veneto, la Provincia di Rovigo e il Comune di Rovigo, che si terrà Venerdì 8 Aprile alle 20.30 nella sala Arzenton, in Piazza Garibaldi 8 (vicino al Consorzio di Bonifica).

Parteciperanno: Michela Rossi (Psicologa, Telefono Azzurro) Silvana Milanese (Psicologa del Consultorio familiare ULSS 18 - Rovigo) Ten. Col. Andrea Firrincieli (Comando Provinciale dei Carabinieri).

Il dibattito, aperto al pubblico, sarà moderato da Dott.ssa Maria Cristina Berdusco – neuropsichiatra infantile.

Di seguito il programma nel dettaglio

20.30: Saluto delle Autorità 20.45: Apertura lavori 21.00: “L’abuso ed il maltrattamento nell’infanzia: caratteristiche del fenomeno, fattori di rischio, fattori protettivi, presupposti di intervento” Dott.ssa Michela Rossi (Psicologa) 21.30: “Il ruolo del consultorio familiare nella tutela del minore nei casi di abuso e maltrattamento” Dott.ssa Silvana Milanese (Responsabile del Reparto della struttura semplice Consultorio familiare minori e adolescenza ULSS 18 - Rovigo) 22.00: “L’abuso ed il maltrattamento nell’infanzia: l’attività delle Forze di Polizia” Ten. Col. Andrea Firrincieli (Comando Provinciale dei Carabinieri) 22.30: Conclusioni e dibattito

Per informazioni Gruppo volontari di Telefono azzurro di Rovigo Paola Cervati 347.6343175 telefonoazzurro.rovigo@gmail.com

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.