5 gennaio 2020 - Economia & Lavoro

Perché chiudono le attività commerciali e artigianali locali

Le attività locali chiudono perché:

Sono soffocate dalla burocrazia; Sono soffocate dalle imposte; Le istituzioni locali non le favoriscono fiscalmente; Le istituzioni locali varano piani urbanistici che inflazionano il comparto; Le istituzioni locali non combattono l’abusivismo; Le istituzioni locali non erogano contributi a sostegno di singoli progetti innovativi.

Si aggiunge poi il web che accelera la chiusura delle attività locali per le seguenti ragioni.

Va premesso che un’impresa Web può togliere mercato a operatori locali, limitatamente a prodotti e servizi” web friendly”, ma gli operatori locali, se non strutturati da impresa web, poco possono raccogliere dal web, tuttavia possono coesistere i due business in capo a un’impresa locale, ma solo attraverso due diverse imprese,l’una dedicata al vicinato, l’altra al web, con modelli di business e strutture diverse;

Il vero cancro del web consiste nella propria diffusione in ogni paese del mondo, tuttavia rispettando solo in parte le leggi degli stessi paesi, essendo quindi - di fatto - una sorta di porto franco digitale Worldwide; quindi due mondi diversi nei medesimi contesti. 

Nel web ogni nefandezza è giustificata come innovazione: È possibile aprire il bordello più grande della storia dell’uomo; Puoi non pagare imposte; Puoi essere chiunque, serve che tu comprenda qualcosa di web e sftw e puoi diventare chirurgo, farmacista, politico, avvocato, taxista, ecc, non hai limiti; È possibile avere “schiavi”; È possibile battere moneta; È possibile trarre la gente in inganno;  È possibile giudicare senza competenza; ecc, ecc;  Il tutto, da oltre 10 anni,  con il miope plauso della politica cheanch’essa ha gongolato per la possibilità di fare propaganda al di fuori delle regole, naturalmente spacciando il web come il futuro e come la salvatrice innovazione;

Il web, sui prodotti e servizi agilmente distribuibili via web, quindi” web friendly”, pone in essere, come già detto, una concorrenza, fondata su un enorme divario fiscale, non arginabile da un piccolo solo imprenditore locale; Gli operatori economici male consigliati da una schiera di “webmkt-superman” negli ultimi 10 anni hanno massivamente orientato i loro investimenti di mkt con un approccio web oriented e non orientati al mercato locale di riferimento! Non conquistando mercato web e perdendo mercato sul vicinato!

La salvezza del mercato locale è nelle mani dei politici e sindcalisti nazionali e locali unitamente agli operatori stessi che devono maturare una consapevolezza complessiva di un mondo diverso, senza farsi abbagliare dai lustrini e dalle bamboline dei “webmkt-superman” e tenendo bene a mente che oltre alla “location” in questo nuovo mondo è diventato rilevantissimo il “brand” anche di vicinato.

R H

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.