12 luglio 2011 - Cronaca

Cittadinanza onoraria all’arma dei Carabinieri

Iniziativa proposta dall’Anc per l’anniversario dell’alluvione in Polesine

Occhiobello. In vista del sessantesimo anniversario dell’alluvione del Polesine, è stata avviata la ‘macchina organizzativa’ per commemorare l’evento che a Occhiobello è sempre stato particolarmente sentito e ricordato dalla popolazione.
La giunta ha accolto la proposta del presidente della sezione dell’associazione nazionale Carabinieri di Occhiobello Luca Sgarbi, di conferire all’arma dei Carabinieri la cittadinanza onoraria per la presenza, il contributo di uomini e mezzi durante le operazioni di soccorso nel novembre 1951.
“Richiamando un decreto del 1953 – spiega il sindaco Chiarioni -, desideriamo ricordare non solo l’evento, ma anche le persone che fecero di tutto per salvare altre vite, sentiamo ancora viva riconoscenza per quegli uomini. Abbiamo manifestato tale volontà agli organi competenti dell’arma, anche il consiglio comunale sarà chiamato ad esprimersi in merito”.
La data ipotizzata per il conferimento da parte dell’amministrazione comunale all’arma dei Carabinieri della cittadinanza onoraria, potrebbe essere domenica 6 novembre.

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.